Anche quest’anno è stata stilata, la classifica delle bandiere blu, L’Italia si specchia, ancora una volta, nel turchese delle sue acque.

Un tuffo, nel mare nazionalpopolare, come dice la famosa canzone di j-ax e Fedez e dunque d’obbligo, quando acque cristalline sono lì a chiamarci.

La Campania è, nel 2021, al secondo posto, dopo la Liguria seguita dalla Toscana per le bandiere blu. La maggior parte delle località sono nel Cilento, è infatti la provincia di Salerno la più limpida. Agropoli, Ascea, Capaccio, Casal Velino, Castellabate, Montecorice, Pollica, Positano, Pisciotta, Vibonati, Villammare, Sapri e Camerota.

“È un giorno meraviglioso per Camerota, ascoltare i massimi vertici della Fee, pronunciare il nome della nostra località tra le 200 italiane che hanno ottenuto il riconoscimento: è un sigillo che ci mancava, ha commentato il sindaco di Camerota. È uno splendido riconoscimento, che il paesino aspettava da tanti anni.

Le spiagge di Lentiscelle, Troncone e di Marina delle barche, nel pieno rispetto delle norme Covid in vigore, ci attendono per dare il via alla stagione estiva. Tra le bandiere sventolanti anche Villammare e Sapri, l’ultimo comune della Campania.

Il luogo, dove avvenne la strage dell’impresa di Carlo Pisacane. A ricordarlo la statua della spigolatrice, protagonista della famosa poesia di Luigi Mercantini, collocata sullo scoglio dello Scialandro. La figura in bronzo, appare protesa verso la baia di Sapri, il luogo dove sbarcarono i 300, nel 1857.

Quella di Sapri, assieme al golfo di Policastro, Scario, frazione del comune di San Giovanni a Piro, fino al Porto naturale degli infreschi, è una gemma di mare di rara bellezza. Tutto è ancora selvaggio e incorniciato dal suono delle cicale. Pini, ginestre e fichi d’India degradano verso il mare in quest’angolino di Mediterraneo dal verde scintillante, bellissimo, misterioso e inedito ancora il turismo di massa.

Luoghi dove il tempo si è fermato, luoghi dove il rumore dell’acqua sugli scogli ancora scioglie l’anima, per chi è capace di godersi un tramonto in compagnia o anche solo di se stesso perché ciò che offre questo tratto di costa campana è bellezza, ma una bellezza meditata, silenziosa.

Clicca qui per le tue visite guidate a Napoli e dintorni

Di Valeria Garofalo

Laureata in Conservazione dei Beni Culturali innamorata dell'incanto che questa città sprigiona, capace di emozionarsi ovunque la scia di una melodia sia in grado di portarmi. ...questa sono io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *